Las Vegas è una delle città più colorate e spettacolari d’America!
Il primo pensiero che ho fatto è stato: “Questa non è una città, ma un grandissimo parco divertimenti!”.
Siamo arrivati nella città del peccato dopo la visita alla Death Valley, abbastanza provati dal caldo. Ad accoglierci all’Hotel Trump, una meravigliosa stanza al 50º piano: grande, fresca e con una vista pazzesca su tutta la strip.


Avevamo voglia di cucina italiana, ma solitamente mangiare italiano all’estero non è una grande idea…
Abbiamo voluto “rischiare” attirati dal menù interessante de Il Fornaio all’interno del New York New York Hotel ed è stata una buonissima idea! Appena arrivati ci hanno portato l’olio di oliva con l’aceto balsamico e del pane fresco davvero buono!
Più che soddisfatti da questa cena deliziosa, dove abbiamo mangiato delle buonissime fettuccine di pasta fresca con salmone, dei pennoni alla vodka e bacon, una Ceasar salad e una cheesecake.


Unico appunto, se proprio devo essere critica, la cheesecake era poco cremosa, ma comunque con un ottimo sapore.
Dopo cena abbiamo passeggiato un po’ sulla strip, ma il caldo intenso e il vento bollente ci hanno fatto resistere poco.


La mattina seguente abbiamo scelto una colazione dal sapore francese al Mon Amì Gabì con la baguette calda e la crema di nocciole e poi dei waffles con caramello e banana, mentre da bere spremute d’arancia e caffè americano.
Dopo colazione abbiamo raggiunto Elvis alla Wee Kirk Chapel dove alle 12:30 ci siamo risposati sulle note di Love Me Tender e Viva Las Vegas! 😂


Elvis mi ha portata all’altare cantando, è stato un momento divertentissimo tanto che, per tutta la durata della cerimonia, non riuscivo a smettere di ridere!
Dopo il matrimonio, viste le temperature invivibili, abbiamo deciso di tornare in hotel e ordinare qualcosa da mangiare in camera in totale relax, anche perché alle 19:00 avevamo il secondo momento importante della giornata:

lo spettacolo Love, del Cirque du Soleil completamente coreografato sulle canzoni dei Beatles in scena al Mirage Hotel.
Se ci penso resto ancora a bocca aperta, più di una volta mi sono venuti gli occhi lucidi ad ammirare tanta arte fra danza e acrobazie! Se ti capita vai a vederlo, è pazzesco!


Ma non finisce qui la nostra giornata, un altro impegno era segnato sul nostro calendario: una cena sì, ma all’inferno di Hell’s Kitchen di Gordon Ramsey!
Finalmente ho potuto provare uno dei suoi piatti storici che avevo visto solo in tv, il filetto alla wellington… 😍😍😍

Prima, il nostro gentilissimo cameriere Tony, ci ha portato un entré all’anguria, un risotto all’aragosta molto buono accompagnato dal Riesling Clean Slate bianco e una Caesar salad deliziosa!
A concludere una cena davvero di livello, un dolce tiepido al cioccolato con gelato alla nocciola. (Ti racconterò nel dettaglio di questo ristorante su un articolo dedicato!)


Dopo cena abbiamo visitato gli hotel più caratteristici di Las Vegas, il Caesar Palace, il Venice e il Bellagio con una temperatura decisamente più gradevole della sera prima.
Ed eccoci arrivati all’ultima mattina a Las Vegas, dopo una colazione americana al Denni’s con pancakes, uova strapazzate e spremute siamo partiti ancora… Direzione Palm Springs e San Diego!


Non perderti i prossimi articoli, il viaggio continua… ☺

By | 2018-10-21T22:05:15+02:00 Luglio 21st, 2018|Mora Experience, Senza categoria|0 Commenti

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest

Share This