🇮🇹 Fran Agudo, nato in Andalusia nel 1987, è il protagonista dell’intervista di oggi! Il giovane chef è ora alla guida del 32° miglior ristorante del mondo: il Tickets.
Stiamo parlando di uno dei sei ristoranti dello Chef Albert Adrià, che compone elBarri uno dei quartieri più visitati di Barcellona.

Secondo Adrià è un “parco di divertimenti gastronomico con sei concetti differenziati nello stesso quartiere”, praticamente un Paese dei Balocchi per gli amanti della gastronomia come me! 😉


I ristoranti che compongono elBarri sono:

  • Tickets: dove possiamo trovare tapas contemporanei e tradizionali
  • Pakta: unisce il meglio della gastronomia giapponese e peruviana
  • Bodega 1900: vermuth, conserve, stufati, salumi in una cantina ristrutturata che crea un’ambientazione d’altri tempi
  • Hoja Santa: per scoprire l’alta cucina messicana
  • Enigma: qui troviamo la massima espressione creativa di Chef Adrià, rispetto del prodotto, sorpresa e cura dei dettagli
  • Nino-Viejo: cocktails, tacos, tortas, una vera taquería messicana

Il Tickets mi ha catturata subito, come sai già se mi segui da tempo, ho un amore infinito per il cinema! Ecco, questo ristorante da fuori sembra proprio un vecchio cinema, alle vetrine ci sono anche le locandine vintage che promuovono le novità come se fossero vere e proprie pubblicità di film ora sul grande schermo.

Ma andiamo a conoscere Fran Agudo, l’Executive Chef di questo meraviglioso ristorante!

🇬🇧 Fran Agudo, born in 1987 in Andalucía, is the protagonist of today’s interview! The young chef is leading now the 32nd best restaurant in the world: Tickets.
We are talking about one of the six restaurants of chef Albert Adrià, which make up elBarri, one of the most visited areas in Barcelona.
Chef Adrià said that it is a “gastronomic amusement park with six different concepts in the same district”, practically like the country of toys for lovers of gastronomy like me! 😉
The restaurants which composes elBarri are:

  • Tickets: where we can find contemporary and traditional tapas
  • Pakta: combines the best of Japanese and Peruvian gastronomy
  • Bodega 1900: vermouth, preserves, stews, cold cuts in a renovated cellar that creates a setting of the past
  • Hoja Santa: to discover the high Mexican cuisine
  • Enigma: here we find the maximum creative expression of Chef Adrià, respect for the product, surprise and attention to details
  • Nino-Viejo: cocktails, tacos, tortas, a real Mexican taquería

The Tickets captured me immediately, as you already know if you have been following me for a long time, I have an infinite love for cinema! This restaurant from outside looks just like an old cinema, there are also the vintage posters that promote the news as if they were real advertising of films now at the cinema.

But let’s meet Fran Agudo, the Executive Chef of this wonderful restaurant!🇮🇹 Raccontami la tua storia, come sei arrivato qui da Tickets?

Sono entrato per la prima volta in una cucina professionale a 12 anni, perché i miei gestivano un piccolo ristorante a Blanes, una città della Catalogna, in Spagna. A 16 anni ero già completamente innamorato della gastronomia, così ho iniziato a lavorare in alcuni ristoranti della Costa Brava. A 18 anni mi sono reso conto che, per arrivare ad avere un nome, avrei dovuto studiare e così ho fatto. Alla fine degli studi ho avuto l’opportunità di fare uno stage incredibile al Celler de Can Roca. Successivamente, nel 2011 sono entrato in stage qui al Tickets, dove sono cresciuto tantissimo, tanto da diventare chef nel 2014.

🇬🇧 Tell me your story, how did you get here in Tickets?

I came in a professional kitchen for the first time at 12, because my parents managed a small restaurant in Blanes, a city in Catalonia, Spain. At 16 I was already completely in love with gastronomy, so I started working in some restaurants in Costa Brava. At 18 I realized that, to become a real chef, I would have to study and so I did. At the end of my studies I had the opportunity to do an incredible stage at Celler de Can Roca. After, in 2011 I started a stage here at Tickets, where I grew a lot, so much to become a chef in 2014.

🇮🇹 Perché il ristorante si chiama Tickets?

Perché durante lo sviluppo del progetto, Albert ha preso spunto dal luogo in cui si trovava il locale. Questa zona è come se fosse una Spanish Brodway, era un quartiere di cinema e cabaret. Da qui è nata l’idea di far entrare le persone nel ristorante come se fossero all’ingresso di un cinema, acquistando appunto un ticket.

🇬🇧 Why is the restaurant called Tickets?

Because during the development of the project, Albert took a cue from the place where the place was located. This area is like a Spanish Brodway, it was a district of cinema and cabaret. Hence the idea of bringing people into the restaurant as if they were at the entrance of a cinema, buying a ticket.

🇮🇹 Com’è lavorare con uno chef così importante?
(sorride)

Inizialmente ero molto intimorito dalla sua grande personalità, ma grazie a lui sono cresciuto tantissimo fino a diventare quel che sono. Ci sono state giornate molto stressanti, non te lo nego, ma sempre e comunque divertenti. Albert spiega le cose in modo semplice, mi ha insegnato anche le tecniche e le ricette della tradizione, ha molta inventiva e per me è un vero genio.

🇬🇧 How is it working with such an important chef?
(he smiles)

Initially I was very intimidated by his great personality, but thanks to his help I grew so much until I became what I am. There were very stressful days, I do not deny it, but always funny. Albert explains things in a simple way, he also taught me the techniques and recipes of the tradition, he has a lot of inventiveness and for me he is a real genius.

🇮🇹 Quali sono lo stile e il concept di Tickets?

Qui è come se fosse una festa, attraverso il finger food, (fatto in diverse dimensioni per far assaggiare tante cose), spieghiamo l’evoluzione della gastronomia spagnola. Continuiamo a testare cose nuove, ad esempio le tapas, rispettando però sempre il concetto di base. Partiamo dalla tradizione e la rendiamo nuova, la nostra cucina è fatta di diversi sapori, a volte molto intensi.

🇬🇧 Which are the style and concept of Tickets?

Here it is as if it were a party, through the finger food, (made in different sizes to make you taste many things), we explain the evolution of Spanish gastronomy. We continue to test new things, such as tapas, but always respecting the basic concept. We start from tradition and make it new, our cuisine is made of different flavors, sometimes very intense.

🇮🇹 Quanti siete in cucina?

Lo staff è composto da 44 persone, sono tutti molto giovani, in modo che imparino e crescano con la nostra filosofia di cucina.

How many people there are in the kitchen?

The staff is composed of 44 people, they are all very young, so they learn and grow with our cooking philosophy.

🇮🇹 Descrivimi la personalità di Chef Adrià attraverso i sapori!
(ride)

Lui è come l’aceto, molto intenso. E poi come le nostre olive liquide, ti aspetti una cosa e poi invece resti sorpresa perché sono tutt’altro! Lui ti sorprende sempre.

🇬🇧 Describe the personality of Chef Adrià through flavors!
(he laughs)

He is like vinegar, very intense. And then, like our liquid olives, you expect something and then instead remain surprised because they are anything else! He always surprises you.

🇮🇹 E se fossi tu un piatto, che sapore avresti?
(mi guarda pensieroso)

Sarei dolce e deciso, profondo e salato!

🇬🇧 And if you were a dish, what would you be?
(he looks at me thoughtfully)

I would be sweet and determined, deep and salty!

🇮🇹 Mi conosci da pochi minuti, ma se volessi sorprendermi cosa mi cucineresti?
(mi fissa qualche secondo come se volesse leggere i miei gusti)

Ti preparerei qualcosa di deciso, saporito e un po’ piccante! Sicuramente un piatto della nostra tradizione, ma rivisitato. (Interessante! 🙂 )

🇬🇧 You’ve known me for a few minutes, but if you want to surprise me, what would you cook for me?
(He looks at me a few seconds as if he wanted to read my preferences)

I would prepare you something decisive, tasty and a little spicy! Certainly a dish of our tradition, but revisited. (Interesting! 🙂 )

🇮🇹 Qual è il tuo più grande sogno?

Per ora il diventare papà e più avanti sicuramente un ristorante tutto mio! 🙂

🇬🇧 What is your biggest dream?

For now, becoming a dad and later a restaurant of my own!🙂

🇮🇹 Oltre ad essere una food blogger, sono una fotografa e amo il cinema. Se Tickets fosse un film quale sarebbe?

Apcalypse now per la cucina 😀 Il Grande Gatsby per la sala e La Fabbrica di Cioccolato nella sala dessert!

🇬🇧 Besides being a food blogger, I’m a photographer and I love cinema. If Tickets were a movie what would it be?

Apcalypse now for the kitchen: D The Great Gatsby for the hall and the Chocolate Factory in the dessert room!

🇮🇹 Una particolarità di Tickets?

Abbiamo una sala dedicata ai dessert, a fine cena ci si sposta per gustare al meglio i dolci del pastry chef fra cui la sua speciale cheesecake!

🇬🇧 A special feature of Tickets?

We have a room dedicated to desserts, at the end of dinner we move to better enjoy the desserts of the pastry chef including his special cheesecake!

🇮🇹 Dai un consiglio a chi sceglie di sedersi qui al Tickets!

Bisogna lasciarsi andare a nuovi sapori e farsi guidare da noi, la nostra mission è la felicità del cliente: l’esperienza gastronomica qui è come un vero e proprio viaggio! Il posto come vedi è molto informale, il cliente mangia come in un ristorante super stellato, ma si sente come se fosse a casa sua.

🇬🇧 Give an advice to those who choose to sit here at the Tickets!

People should let themselves go to new flavors and be guided by us, our mission is the customer’s happiness: the gastronomic experience here is like a real journey! The place is very informal, the customer eats like in a super-starred restaurant, but feels like he’s at home.

🇮🇹 Non ti resta che andare a Barcellona al più presto! 🙂
NB la sala dessert ha il soffitto completamente ricoperto di frutti rossi enormi, fra cui LE MORE! Immagina la mia faccia appena ci sono entrata! 😀

Di seguito ti lascio i link per seguire questo ristorante pazzesco e gli chef anche sui social:

🇬🇧 You just have to go in Barcelona as soon as possible! 🙂
NB the dessert room has a ceiling completely covered with huge red fruits, including blackberries! Imagine my face as soon as I entered! 😀

Below I leave the links to follow this crazy restaurant and chefs on social media:

Fran Agudo Instagram
Tickets Bar Instagram
elBarri Family Instagram
Albert Adrià Instagram
elBarri Facebook

Alla prossima! 🙂

See you next time! 🙂

By | 2018-11-05T01:00:25+01:00 Novembre 5th, 2018|La Mora e Lo Chef, Senza categoria|0 Commenti

Scrivi un commento

Pin It on Pinterest

Share This